Shellrent - Guide e Documentazione | Gestione dei Cronjob per gli Hosting
2678
post-template-default,single,single-post,postid-2678,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
Trova
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in excerpt
Search in comments
Filter by Custom Post Type

Gestione dei Cronjob per gli Hosting

Scopo della Guida

Questa Guida permette di comprendere come gestire i Cronjob (o “Operazioni Pianificate“) su un piano Web Hosting. Tutte le funzionalità sono disponibili alla pagina di dettaglio del Servizio Hosting interessato (dal menu di sinistra del Manager cliccare su “Web Hosting” e quindi sul bottone dei dettagli con la lente di ingrandimento).

Se il piano Hosting prevede la possibilità di gestire dei Cronjob, comparirà in fondo alla pagina la voce “Operazioni pianificate”. Per sapere se un piano Hosting prevede la possibilità di inserire uno o più Cronjob, consultare il sito web Shellrent alla sezione “Web Hosting”.

funzionalità cronjob web hosting

Creazione di un Cronjob

Cliccare sul bottone “Aggiungi” come mostrato in figura. Comparirà una finestra che presenta i seguenti parametri di configurazione del cronjob:

  • Protocollo
    • Se la richiesta deve essere effettuata con https o con normale http
  • Indirizzo URL
    • Indirizzo completo del cronjob
    • Deve corrispondere al dominio del piano Web Hosting (es. “Web Hosting Linux Azienda: dominio.com“)
    • L’URL può essere relativo a un terzo livello e può contenere oppure no il “www”; esempi di utilizzi consentiti sono i seguenti:
      • dominio.com/pagina.php
      • com/pagina.php?parametro=valore
      • dominio.com/cartella/script.php
  • Minuti
    • Viene proposto all’inizio un valore casuale da 0 a 59, ma può essere modificato
    • Inserire il minuto nel quale il cronjob deve essere eseguito
    • Esempio: inserendo “22” (come in figura) il cronjob verrà eseguito a tutte le ore al minuto “22” (quindi alle ore: 00:22, 01:22, 03:22, …, 13:22, 14:22, ecc.)

creazione cronjob hosting operazione pianificata

Modalità avanzata

Cliccando su “Modalità avanzata” è possibile definire ulteriori parametri per la configurazione del Cronjob.

  • Mesi dell’anno
    • Possono essere selezionati uno o più mesi (da “Gennaio” a “Dicembre”)
    • Se almeno un mese è selezionato, il cronjob verrà eseguito solo nei mesi selezionati
  • Giorni del mese
    • Possono essere selezionati uno o più giorni del mese (da 1 a 31)
    • Se almeno un giorno è selezionato, il cronjob verrà eseguito solo nei giorni selezionati
  • Giorni della settimana
    • Possono essere selezionati uno o più giorni della settimana (da “Lunedì” a “Domenica”)
    • Se almeno un giorno della settimana è selezionato, il cronjob verrà eseguito solo nei giorni selezionati
  • Ore del giorno
    • Possono essere selezionati uno o più giorni della settimana (da “0”, mezzanotte, a “23”)
    • Se almeno un’ora è selezionata, il cronjob verrà eseguito solo in quelle ore
  • Metodo http
    • A scelta tra “GET” (predefinito) e “POST”
      • GET corrisponde ad una normale apertura di pagina web come se venisse effettuata dal browser
      • POST corrisponde solitamente al click sul bottone “Salva” di una form su una pagina web (es. iscrizione utente in un sito)

Si sottolinea che tutti i parametri qui proposti (ad esclusione del Metodo http) sono valutati insieme contemporaneamente.

Ciò significa, ad esempio, che se vengono selezionati “Gennaio” e “Luglio” come “Mesi dell’anno” e “21” come “Giorno del mese”, allora il cronjob verrebbe eseguito solo il 21 Gennaio e il 21 Luglio. Attenzione, dunque, anche alla selezione del giorni “29”, “30” e “31”, che alcuni mesi non hanno (Febbraio negli anni non bisestili e tutti i mesi con 30 giorni).

cronjob hosting opzioni avanzate

Modifica di un cronjob

Per modificare un cronjob è sufficiente cliccare sul bottone “Modifica” in corrispondenza del cronjob da modificare. Solo i cronjob “attivi” possono essere modificati.

La modifica di un cronjob causa la disattivazione del cronjob modificato (che rimane invariato) e la creazione di un nuovo cronjob con le modifiche inserite. Questo garantisce il mantenimento dello storico delle modifiche apportate.

Esecuzioni dei cronjob

Cliccando sul bottone “Dettagli” (icona della cartella) è possibile visualizzare il report delle ultime esecuzioni registrate per ogni cronjob. Un’icona indicherà il risultato della richiesta:

  • Spunta verde se la richiesta è andata a buon fine
  • Croce rossa altrimenti

Inoltre viene indicato il risultato del codice http della risposta registrata (es. “404” corrisponde a “Not Found“, cioè “Risorsa non trovata o inesistente“).

esecuzioni dei cronjob hosting

Eliminazione di un cronjob

È in qualsiasi momento possibile eliminare un cronjob, cliccando sul bottone “Disattiva”. Questo impedirà a quel cronjob di essere eseguito ancora.

Per storico, il cronjob rimarrà disponibile in visualizzazione. Una dicitura apposita “Disattivo” ne indicherà lo stato.

 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo! oppure stampa
Nessun commento

Scrivi un commento