Shellrent - Guide e Documentazione | Come gestire i record DNS su Cloudflare
4348
post-template-default,single,single-post,postid-4348,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
Trova
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in excerpt
Search in comments
Filter by Custom Post Type

Come gestire i record DNS su Cloudflare

Cloudflare fornisce servizi di Gestione DNS avanzati che aumentano sensibilmente la sicurezza, la protezione e le performance del tuo sito web. Grazie alla partnership fra Shellrent e Cloudflare, ora il servizio offerto da quest’ultima è attivabile e gestibile direttamente dal pannello di controllo Manager, scopriamone i dettagli.

Proxy: traffico filtrato da Cloudflare

Su alcune tipologie di Record DNS è possibile abilitare la funzionalità “Cloudflare Proxy”, che consente di filtrare il traffico mediante rete Cloudflare nascondendo l’indirizzo IP di origine del server. Questo garantisce maggiore protezione da attacchi e una migliore performance del traffico sul tuo sito web.

La funzionalità è attivabile o disattivabile sui singoli record DNS facendo click sul simbolo della nuvoletta:

  • Grigio se il filtro Cloudflare non è attivo
  • Arancione se il filtro Cloudflare è attivo

Proxy abilitato (fare click per disabilitarlo)

Proxy disabilitato (fare click per abilitarlo)

Quando è applicabile

È possibile applicare il filtro Cloudflare sui record DNS di tipo:

  • A
  • AAAA
  • CNAME

In generale, comunque, è bene tenere a mente che il filtro va applicato solo su record DNS il cui traffico è di tipo HTTP (porte 80 o 443). Se ad esempio un record A possiede come prefisso “ftp” (accessibile quindi ad esempio come “ftp.nomedominio.tld“) perchè tale dominio è utilizzato per l’accesso FTP (es. con FileZilla), allora il filtro in quel caso NON va applicato.

I seguenti sono alcuni esempi di prefissi di Record A, AAAA o CNAME che solitamente non devono avere il filtro Cloudflare attivo. Ciò non è comunque sempre vero e in generale la valutazione va fatta in base a come il sottodominio viene utilizzato nel contesto specifico:

  • webmail
  • webstats
  • vpn
  • autodiscover
  • calendar
  • chat
  • email
  • ftp
  • pop
  • imap
  • mail
  • mx

Aggiornamento TTL

Su ogni singolo Record DNS è possibile impostare un TTL differente. Per impostarne uno diverso dal TTL “Automatico” gestito da Cloudflare, clicca in corrispondenza del record per modificarlo, con il bottone a sinistra e specifica un TTL differente a scelta tra quelli proposti.

Altre guide

Per maggiori informazioni su come inserire i Record DNS nel tuo dominio, consulta la nostra Guida:

Guida ai record DNS

Se invece non sai come attivare i Nameserver Cloudflare sul tuo Dominio nel pannello di controllo Manager ecco la nostra Guida alla modifica dei Nameserver:

Come cambiare i nameserver del dominio

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo! oppure stampa
Nessun commento

Scrivi un commento