Shellrent - Guide e Documentazione | Come trovare la PEC delle imprese
230
post-template-default,single,single-post,postid-230,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive
Trova
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in excerpt
Search in comments
Filter by Custom Post Type

Come trovare la PEC delle imprese

In questa guida impareremo come ricercare la PEC di una impresa, comunemente detta casella di posta certificata.

E’ importante ricordare che quest’ultima e’ utile e necessaria per un’azienda in quanto permette di spedire/ricevere messaggi di carattere ufficiale. Per capire la loro importanza possiamo paragonarle alle classiche raccomandate di ricevuta e di ritorno. Tali email avranno quindi valore legale e quest’ultima e’ garantita dalla firma digitale posta in calce.

Per ricercare un indirizzo PEC il metodo piu’ veloce  e’ di recarsi sul sito web ufficiale del registro delle imprese https://www.registroimprese.it/ e digitare nel campo di ricerca il nome della societa’ desiderata. Premendo INVIO il sistema cerchera’ automaticamente l’azienda di interesse nel proprio archivio e se quest’ultima ha attivato una PEC comparira’ l’indirizzo ad essa collegato. Ricordiamo che per legge qualsiasi Ente, Azienda, Impresa deve registrarsi al registro delle imprese per poter disporre di un servizio di posta elettronica certificata.

Se non viene trovato alcun indirizzo cio’ puo’ essere dovuto al fatto che l’azienda in questione non e’ ancora registrata in via ufficiosa, ma questo non esclude che essa abbia fornito l’indirizzo di posta certificata. In situazioni come questa consigliamo di visitare il sito della Pubblica Aministrazione https://www.funzionepubblica.gov.it/ e cercare il nome dell’azienda tramite l’apposito form di ricerca. Il sistema fornira’ un documento che certifica l’attestazione di una PEC temporanea nel caso in cui l’azienda e’ registrata presso l’Agenzia per l’Italia Digitale. In conclusione, ricordiamo che tale documento ha la facolta’ di rendere legalmente valida una mail.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo! oppure stampa
Nessun commento

Scrivi un commento