Shellrent - Guide e Documentazione | Utilizzo template LAMP
2705
post-template-default,single,single-post,postid-2705,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
Trova
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in excerpt
Search in comments
Filter by Custom Post Type

Utilizzo template LAMP

Dove trovo il servizio che ho acquistato all'interno del manager Shellrent?

Alla consegna del server verrà inviata un’email riepilogativa, contenente il nome del servizio acquistato (nel nostro caso un server LAMP che chiameremo “lamp-deb9.serverlet.com”).

 

L’email sarà simile a questa, notate nell’area evidenziata il nome del servizio acquistato:

Una volta effettuato l’accesso al pannello manager al link https://manager.shellrent.com selezionate la voce “Server Cloud” sul menu a sinistra

 

Cercate quindi il nome del server riportato nell’email di attivazione inserendolo nel campo Servizio (1), successivamente cliccate su Cerca (2) e infine sulla lente di ingrandimento per accedere ai dettagli del servizio (3)

Dove trovo tutti i dati di accesso e l'indirizzo IP?

Le informazioni necessarie per l’utilizzo del server LAMP sono:

  • l’hostname della macchina (in questo caso lamp-deb9.serverlet.com)
  • la password di root SSH
  • la password di root di MySQL
  • l’indirizzo IP del server

 

L’hostname della macchina è già stato fornito in fase di consegna del servizio, e può essere recuperato anche dalla pagina principale del servizio, in alto.

PASSWORD SSH

La password di root SSH è l’accesso più importante in quanto vi garantisce la completa amministrazione e gestione del server direttamente dalla riga di comando. Potete recuperarla premendo sul tasto menu (1) poi sulla voce “mostra password” (2).

Verrà visualizzato un box contenente il nome utente di root (solitamente root) e la relativa password. Quello che segue è un esempio, i vostri dati saranno sicuramente più comprensibili 🙂

 

PASSWORD MYSQL

La password di accesso MySQL può essere recuperata scorrendo la pagina verso il basso.

INDIRIZZO IP

L’indirizzo IP del server è invece riportato nella parte superiore della pagina, in alto a destra. Conoscere l’indirizzo è utile in caso sia necessario cambiare i puntamenti DNS di un sito web o effettuare dei test tramite puntamento locale.

come aggiungo un sito web all'interno del server LAMP?

Per aggiungere un sito web all’interno del LAMP è necessario accedere in SSH e lanciare alcuni comandi che tratteremo poi nel dettaglio. Per “aggiungere un sito web” intendiamo la creazione dello spazio FTP, dei database e delle relative utenze di accesso.

Per accedere in SSH è necessario un client, le credenziali di accesso root e l’hostname o indirizzo IP del server.

Come client da utilizzare consigliamo il famoso PuTTY, scaricabile gratuitamente dal sito ufficiale: https://www.putty.org tuttavia alcuni sistemi operativi hanno già una shell integrata (Mac o distribuzioni Linux).

Una volta scaricato, installato e avviato inserite il nome dell’host di connessione (1) con l’hostname indirizzo IP del server acquistato, le altre configurazioni di default sono corrette (port 22, connection type SSH) e cliccate quindi sul tasto “open” (2).

Qualora ritorni una schermata contenente un avviso di sicurezza riguardante la chiave del server al quale si sta connettendo, semplicemente premete su Si.

Comparirà un terminale che chiederà il nome dell’utente da utilizzare per il login (nel nostro caso root) e, dopo aver battuto invio, la relativa password d’accesso.

Non preoccupatevi se durante la digitazione della password non vedete comparire caratteri, è normale! 

Suggerimento: potete copiare i dati d’accesso con il solito CTRL + C (Windows) e incollare con un click del tasto destro del mouse all’interno del terminale.

Una volta eseguito l’accesso andate nella cartella /root/SCRIPT con il seguente comando:

Eseguiamo con il comando bash lo script active.sh e digitiamo il nome del sito che desideriamo aggiungere, nel nostro caso useremo shellrent.com come esempio:

Dopo aver confermo con Invio lo script di attivazione eseguirà alcune operazioni e, al termine, fornirà i dati di accesso FTP e MySQL per il sito attivato:

Salvate le credenziali sul vostro computer, in quanto non sarà possibile recuperarle in futuro, ma solo resettarle.

Suggerimento: potete copiare i dati d’accesso direttamente dal terminale selezionando il testo interessato e quindi incollandolo su un documento di testo sul vostro computer. La semplice selezione del testo sul terminale corrisponde alla copia.

 

Oltre l’utente e la password lo script fornisce anche l’host di connessione FTP e il link di accesso a phpMyAdmin con due nomi differenti: il nome del server e il nome del dominio scelto in fase di attivazione. Questo perchè è probabile che non abbiate ancora modificato i puntamenti DNS del sito web e quindi diamo la possibilità di accedere in FTP e a phpMyAdmin utilizzando l’host di connessione contenente il nome del medesimo server.

quali sono i database disponibili per i siti web una volta attivati?

Per conoscere quali database sono disponibili è necessario accedere tramite phpmyadmin, o con l’utenza di root MySQL o con l’utenza MySQL generata tramite lo script active.sh.

Utilizzeremo come link di accesso quello che fa riferimento all’hostname del server (http://lamp-deb9.serverlet.com/phpmyadmin) in quanto i puntamenti DNS del sito web shellrent.com non sono stati ancora aggiornati. Come utenza di accesso utilizzeremo root e la relativa password, dopo la compilazione dei due campi premiamo su Esegui.

La lista dei database disponibili sarà sulla sinistra, come raffigurato nella seguente immagine.

Nel caso si abbia fatto accesso come root e siano già stati attivati più siti web all’interno del LAMP, sulla sinistra vedrete la lista di TUTTI i database. Qualora si voglia visualizzare solo i database di un determinato sito web è necessario accedere con l’utenza MySQL del sito specifica generata con lo script active.sh.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo! oppure stampa
Nessun commento

Scrivi un commento